Facebook, fatturato record nel Q1 2017: Zuckerberg ha ulteriori margini di crescita

facebook

Sono dati davvero positivi quelli relativi al primo trimestre fiscale del 2017 per Facebook. Il social network di Palo Alto è andato oltre anche le previsioni degli analisti di Wall Street, chiudendo con cifre record sia sul fatturato che sul numero di utenti attivi sulla piattaforma. Ma andiamo con ordine.

Il fatturato, dicevamo: Facebook ha annunciato 8.03 miliardi di dollari, addirittura +49% rispetto a quanto fatto registrare un anno fa nello stesso periodo. Cifre superiori a quanto preventivato da Wall Street che si limitava a 7.83 miliardi per un +45% complessivo. Le entrate della pubblicità, per dire, arrivano a 7.86 miliardi di dollari, sono superiori al 50% rispetto al 2016 e, udite udite, per l’85% arrivano da traffico su mobile.

L’altro dato super è il numero di utenti attivi ogni mese: siamo a 1.94 miliardi, una cifra stratosferica se si pensa che nei tre mesi corrispondenti dell’anno scorso erano il 17% in meno.

Insomma, Facebook è in ottima salute, nonostante qualche polemica di troppo negli ultimi tempi. Le fake news sono ormai argomento di discussione quotidiano e potrebbero addirittura aver condizionato le elezioni politiche negli Stati Uniti; la violenza nei video in diretta ha generato sdegno soprattutto dopo il caso dell’uomo ucciso in un filmato live a Cleveland.

Zuckerberg sa agire su più fronti. Su quello di facciata riesce a spegnere tutte queste polemiche (ieri, ad esempio, ha annunciato l’assunzione di 3mila nuove persone nel team di controllo delle segnalazioni), mentre sul piano dei guadagni sa di avere altri assi nella manica come ad esempio video di lunga durata e realtà virtuale. Ne vedremo delle belle.

Rocio Sierra
About Rocio Sierra 19 Articoli
Studio e parlo l'italiano da ormai 15 anni; sono appassionata di letteratura, gestisco anche un blog dedicato alla moda e alla cura del proprio corpo in spagnolo. Con notizietech cerco inoltre di riportare tutto quanto accade nel mondo dei social network.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*